Quello in programma sabato sera contro il Chievo non sarà un derby come gli altri. A dirlo è innanzitutto la classifica. Dopo i fatti di questa domenica, con le gare giustamente rimandate a data da destinarsi, le due formazioni veronesi arriveranno al derby rispettivamente con 25 (Chievo) e 19 punti (Hellas Verona). Difficile ricordare, almeno negli ultimi anni, una stracittadina così importante per la stagione di entrambe le squadre.

Ci si gioca una bella fetta di salvezza, in particolare per Pecchia e i suoi ragazzi, che sabato hanno visto la Spal allungare a più 4 nell'anticipo delle 15.00. Per capire che derby sarà, è importante capire come le due squadre arriveranno alla sfida del Bentegodi. 

Il Chievo ha vinto una sola gara nelle ultime sei giocate, in casa contro il Cagliari. Rispetto all'inizio della stagione pare una squadra in netta involuzione, anche se gli arrivi di gennaio (Giaccherini su tutti) potrebbero ridare nuova linfa agli uomini di Maran. La difesa rimane uno dei punti di forza della squadra "della diga", mentre l'attacco dipende eccessivamente dall'estro e dalle giocate di Inglese. Resta comunque una squadra ben attrezzata in tutti i reparti, anche se le tante sconfitte nella seconda parte di stagione potrebbero averne minato tante certezze.
Il Verona invece, arriva alla sfida di sabato forte della vittoria casalinga contro il Torino, nonostante quella con i granata sia stata l'unica vittoria nelle ultime quattro gare. È una rosa con degli evidenti limiti tecnici, che dal mercato di gennaio si è rinforzata in attacco, ma ha perso qualcosa a centrocampo con le partenze di Zuculini e Bessa. Si tratta comunque di una formazione che sembra aver trovato finalmente  la quadra, con un modulo che garantisce una buona copertura difensiva e pericolosità nelle ripartenze. Cosa ancor più importante poi, Pecchia, nonostante le tante difficoltà, ha ancora lo spogliatoio completamente dalla sua. 

Insomma, quella di sabato sera si prospetta davvero come una sfida interessantissima in chiave salvezza, soprattutto per l'Hellas Verona, che con una vittoria si porterebbe a soli tre punti proprio dal Chievo di Maran. Non sarà affatto facile per gli scaligeri che vorranno anche riscattare  la sconfitta per 3 a 2 nel derby di andata (parzialmente mitigata dalla vittoria ai rigori nella sfida di coppa Italia). L'assenza di capitan Romulo, che avrebbe dovuto saltare la partita con il Benevento, sarà pesantissima. I gialloblù potranno comunque contare sulla freschezza degli attaccanti (con Matos e Petkovic in grande crescita) e sulla spinta dei butei, che come da tradizione, arriveranno numerosi al Bentegodi, pronti a spingere la squadra in una partita così importante.

Un derby fondamentale. Per il Chievo, che con una vittoria potrebbe uscire nuovamente e in maniera definitiva dalla lotta per non retrocedere. Per il Verona, che con i tre punti andrebbe a ricompattarsi con il gruppetto in lotta per la salvezza coinvolgendo anche la squadra di Maran. Un eventuale pareggio servirebbe a poco, soprattutto agli scaligeri. Al momento per Pecchia e i suoi quella di sabato sera sarà la partita più importante dell'intera stagione. Novanta minuti di derby per giocarsi la stagione o comunque quello che ne resta. E allora forza ragazzi! Sabato è vietato fallire!