4
Covid, tamponi, trasferte e infortuni contenuti: dietro lo scudetto dell'Inter non c'è solo il lavoro di Antonio Conte, ma anche quello dello staff medico. Il responsabile del settore sanitario nerazzurro, Piero Volpi, parla a La Gazzetta dello Sport, spiegando: "È stata la stagione più difficile. Un’annata inedita, complicatissima. Il fatto di essere arrivati in fondo vincendo il titolo aumenta la soddisfazione. Ma il merito va diviso tra tutti gli staff medici: portare in fondo questo campionato non era scontato, se riavvolgiamo il nastro allo scorso settembre. La difficoltà maggiore? In assoluto districarsi tra le varie normative Covid, sportive e non. E tra i diversi regolamenti, locali, nazionali e internazionali".

Inter, idea Ginter
SUI TAMPONI - "Per ogni componente del gruppo squadra, ovvero 50 persone, calcoli circa 100 tamponi. Totale, cinquemila molecolari. Parlo solo di questa stagione, senza contare la precedente. A quei numeri, aggiunga circa 20 sierologici a testa. Anche dal punto di vista economico è stata una spesa molto importante".

SUI CALCIATORI - "A loro va un grande merito. Sono diventati esperti in materia, mi sono trovato a confrontarmi con loro sul tema pandemia e li ho trovati preparatissimi. Dico di più: non c’è categoria al mondo, neppure noi medici, che si è sottoposta a uno screening così accurato come il calcio. Sarà bene non disperdere questo tesoro: quanto fatto può essere materiale scientifico da approfondire in futuro, oltre che un modello da seguire. Nel prossimo campionato i giocatori continueranno a essere monitorati. Ma al via tutti saranno vaccinati".

LE DIFFICOLTA' - "Abbiamo auto 13 calciatori su 26 contagiati, la metà della rosa, in tre diverse fasi: ottobre, novembre e marzo. Quest'ultima è stata la prova più dura, nel momento clou del campionato. E in quel periodo anche i dirigenti sono stati colpiti. Mi sento di ringraziare il laboratorio che ci ha seguito e l’Ats di Milano, con cui abbiamo stabilito un grande rapporto. È stato grazie a loro che riuscimmo a scoprire la falsa positività di Hakimi, confermata poi dai sierologici".

SUGLI INFORTUNI - "E il merito va trovato nei due anni di Conte e del suo staff: hanno aumentato la qualità e la quantità del lavoro fisico-atletico. Poi c’è la nostra prevenzione, nel pre e nel post partita, a cui teniamo moltissimo. E infine il merito va ai medici della prima squadra e ai terapisti. Se oggi festeggiamo, è frutto di un lavoro di squadra".