Lazio-Dinamo Kiev 2-2 

Strakosha 5: Praticamente spettatore per tutta la partita, non para praticamente nulla. Neppure il tiro di Moraes, decisamente alla sua portata.  

Wallace 5,5: Lancia al bacio per Milinkovic, che sciupa. Si fa attrarre dal pallone e perde la marcatura di Tsygankov sul gol Dinamo. Una partita discreta rovinata da una sbavatura pesante.
(dall'85' Nani s.v) 

de Vrij 6: Poco preciso in fase propositiva, ma tiene sempre la linea, senza grosse sbavature. Ha offerto prestazioni migliori. 

Radu 6,5: Una partita tenace, attenta, spesso propone gioco in fase offensiva: sta vivendo una della sue migliori stagioni alla Lazio, si conferma uno dei più in forma. 

Basta 6,5: Sul suo destro Murgia diventa difensore aggiunto e gli nega il gol del vantaggio. Sempre presente nelle azioni offensive della Lazio, stantuffo.  
(Dal 74’ Patric s.v.)

Murgia 5: Il classe ’96 parte benino, devia un tiro di Basta che poteva entrare in rete. Una prestazione opaca, deve fare di più. 
(Dal 74’ Parolo s.v.)

Leiva 6:  Dal suo lancio verticale parte la rete del pareggio Lazio, sempre il cuore pulsante della manovra biancoceleste. Peccato che poi si perda nella fisicità della Dinamo. 

Milinkovic 5: Inzaghi non rinuncia mai al suo colosso in mezzo al campo, meno che mai in una partita che si prospetta fisica. La sua gara è opaca, non riesce quasi mai ad essere veramente pericoloso, prova giocate complesse che quasi mai gli riescono. Se continua così rischia i fischi. 

Lukaku 5: Un pochino triste, pochi strappi, senza troppi sprint dei suoi. Una partita scialba, ed è raro per lui. Meglio dietro, dove copre con attenzione. 

F.Anderson 6,5: Primo squillo del match il suo, al termine di una bella azione corale. Serve un assist al bacio per Immobile che pareggia i conti, porta in vantaggio la Lazio. Sontuoso quando parte palla al piede. 

Immobile 6,5: La Lazio pende dai suoi gol, lui risponde e sigla la rete fondamentale del pareggio. 6 gol in 6 partite europee, 33 reti fino ad ora in stagione, un rendimento pazzesco. Il palo nel finale grida vendetta. 

All. Inzaghi 5,5:  Schiera praticamente tutti i titolari, non si fida della Dinamo, sa che strategicamente la gara di andata in casa è troppo importante. Peccato che forse si accorga troppo tardi che qualcosa nel suo modulo aiuta la Dinamo. Non deve intestardirsi a 3, deve avere il coraggio di cambiare. Altrimenti si fanno figuracce, o si rischia di uscire. 

Dinamo Kiev

Boyko 5,5: Non ha colpe sui gol della Lazio, una partita attenta, senza grosse sbavature. Qualcosa da rivedere sui rinvii con i piedi, poco preciso. Si fa ammonire per perdita di tempo, dopo il triplice fischio per poco non picchia Garmash, un pochino su di giri. 

Kędziora 6: Interessava alla Lazio, non si sgancia quasi mai, prova una gara difensiva, attenta. Un elemento da tenere d’occhio, sempre molto deciso. 

Burda 6: Molto attento, tiene a galla la Dinamo nel primo tempo, un centrale roccioso, non concede molto. Clamorosa la palla-gol di Immobile nel finale, una sbavatura importante. 

Kádár 5,5: Prende un giallo, ma fa guardia discreta su giocatori veloci e frizzanti. Proprio quelli che, per fisico, detesta marcare. 

Pivarić 6,5: Dalle sue parti nascono tutte le palle-gol Dinamo, una prestazione maiuscola per quantità e qualità. 

Shaparenko 5: Gioca a ridosso dell’unica punta, si muove molto, lunghi capelli, è un po’ goffo, non riesce quasi mai a far passare palloni giocabili per Besedin. 
(Dal 67 Moraes 6,5: capocannoniere della Dinamo in Europa, e si vede: al primo tiro vede Strakosha piazzato male e lo fredda). 

Buialsky 5,5: Prova a fare filtro, subisce l’1-2 micidiale della Lazio come tutti i compagni, lasciando sguarnita la trequarti campo. 

Tsygankov 6,5:  Stellina nascente della Dinamo,  lanciato dalla leggenda Rebrov, uno dei più pericolosi e tecnici. Trova l’importantissimo gol fuori casa di tacco, lasciato completamente solo in area. 

Garmash 6: Dinamico, duttile, perde le staffe a partita finita, e salterà il prossimo incontro. 

Morozyuk 5,5: Settore giovanile della Dinamo, è tornato a casa a parametro 0 nella scorsa stagione, tanto fumo e poco arrosto, fa pochissimo.  

Besedin 6: Lotta tra de Vrij e Radu, non trova quasi mai spunti. Comunque una gara coraggiosa. 


All. Khatskevich 6,5: La sua Dinamo è piazzata bene in campo, gioca un calcio lineare, pur senza grande individualità, ma lotta tantissimo. Merito suo, stratega di una squadra difficile da scalfire.